La galleria degli antichi

skill: disegno, archicad, cinema 4d, maquette

Tra il 1584 e il 1586, il duca Vespasiano Gonzaga,fa costruire nel suo palazzo di Mantova, una galleria, con l'intento di ospitare oggetti "antichi" che il Duca tanto amava mostrare ai suoi ospiti con l'idea che non dovesse essere solo un'appendice o un luogo di passaggio del palazzo, bensì la parte più significativa. Prendere in prestito questa definizione di spazio volto ad ospitare una personale collezione di oggetti "antichi", vuole dire rileggere tutti gli elementi propri dell'interior design, non secondo gli aspetti legati al mondo della tecnologia dei materiali o a quello strettamente stilistico, ma più precisamente secondo quelli legati alla sfera emozionale, far rivivere una atmosfera lontanissima nel tempo, ma in uno scenario del tutto coerente con lo stile di vita contemporaneo. È così che il progetto per uno spazio residenziale viene trattato come fosse un micro-allestimento museale, domestico ma raffinato, dove inserire opere di antiquariato non nella loro funzione d'uso, ma contestualizzandole con lo spazio, richiamando più una delle innumerevoli stanze di un piccolo museo piuttosto che di una lussosa casa. Inoltre la disposizione degli arredi e la scelta delle aperture mostrano l'idea di mantenere un rapporto di continuità con lo spazio esterno come fosse possibile attraversare lo spazio su entrambi gli assi.



Donato Filannino



Giuseppe Russo

image



image



image



image



image



image