Tesi: Oberdan.com

skill: disegno, maquette, archicad, cinema 4D, architettura, impaginazione, photoshop, illustrator, indesign

Il ridisegno di uno spazio pubblico con una stratigrafia storica fatta di avvenimenti, stravolgimenti, cambiamenti e realtà importanti e ancora oggi radicate come quello di Porta Venezia e di piazza Oberdan presenta sfide complesse e molteplici possibilità d’intervento; per questo progettare uno spazio per l’uso e la rappresentazione di tutta la comunità -nella sua diversità- genera dibattiti e grandi controversie. Durante il processo di disegno dunque è stato determinante lo studio dei percorsi dei pedoni, lo studio delle criticità attuali che rendono questo un luogo fatto di meri spazi residuali, che ci hanno aiutato a stabilire i pieni e i vuoti di questo nuovo spazio urbano, le aree di sosta, quelle di passaggio, quelle verdi e quelle più riparate. L’altro elemento decisivo è stata la presenza del Diurno nella parte occidentale della piazza: è su questo lato che l’intervento è stato progettato così da riportare alla luce il salone principale dello storico complesso, rendendolo libero e visibile su tre lati. Il nuovo edificio, che si sviluppa longitudinalmente su tutta la parte nord-ovest della piazza è caratterizzato da due livelli dedicati alla vendita di oggetti di design, e un terzo livello, seminterrato, che ospita un laboratorio di co-working per designer emergenti. Il fine ultimo è stato quello di riuscire a mettere in completa relazione i differenti livelli, fino ad arrivare al piano del mezzanino, che corre sotto corso Buenos Aires, reso interessante attraverso l’istallazione di spazi dedicati all’esposizione di oggetti pensati da designer milanesi dagli anni cinquanta ad oggi.


image



image



image



image



image



image



image



image



image



image



image



image



image



image



image



image



image



image